BLOG

Le piante medicinali per il paziente oncologico.

Prof. Marco Biagi
Ph.D. – U. O. di Biologia Farmaceutica – Dip. di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente – Università degli Studi di Siena.

 

Il Cibo Ideale, Curarsi Mangiando – Convegno Show Cooking
Le piante medicinali per il paziente oncologico.

Le piante hanno da sempre un ruolo importantissimo per la ricerca medica in campo oncologico ed è proprio da fonti vegetali che sono stati sviluppati tra gli anni ’50 e ’80 del secolo scorso molti tra i più importanti agenti antitumorali oggi in terapia, come i tassani, gli alcaloidi della vinca, i derivati della podofillina e della camptotecina.

Ancora oggi la ricerca su nuove specie e nuovi composti naturali continua in maniera molto energica, ma le piante medicinali attualmente vengono considerate in oncologia in un contesto più ampio della sola ricerca di nuovi principi attivi citotossici e sempre di più si indagano le possibilità di utilizzo di farmaci vegetali nel migliorare la qualità della vita del malato. Spesso si esagera nell’elevare alcuni rimedi naturali in maniera antiscientifica e non raramente, sbagliando, li si propongono come alternativa alla chemioterapia convenzionale, ma la letteratura scientifica evidenzia invece come esista una vera fitoterapia razionale e basata sull’efficacia dimostrata in studi clinici di qualità.

Nell’intervento si illustreranno i campi di applicazione scientificamente validati per l’utilizzo delle piante medicinali nel paziente oncologico, sia in termini di miglioramento delle strategie terapeutiche convenzionali che come integrazione per la minimizzazione degli effetti collaterali dovuti a radio e chemioterapia.