Descrizione Progetto

Gianluca de Feo

In memoria
di Gianluca

Gianluca, per noi Gianlu. Classe 1988.

Gianluca de Feo

In memoria
di Gianluca

Gianluca, per noi Gianlu. Classe 1988.

All’alba dei suoi 30 anni, nel fiore degli anni più belli e lucenti, un terribile nemico, arrivato di soppiatto, feroce e rapido, l’ha strappato alla vita, l’ha strappato alle nostre vite.

Linfoma, diagnosi che ci ha tolto il respiro e poi il sorriso. Ma la sua storia clinica ha inizio ben prima. Primo intervento alle vie biliari dopo pochi mesi dalla nascita, primo trapianto di fegato all’età di dieci anni, secondo trapianto, definito “miracoloso”, all’età di ventisette anni. La sua vita è stato un corollario di inciampi, cadute e ricadute. Ma questo non è sufficiente per tracciare un cerchio che racchiuda il suo essere. Una forza sorprendente, un coraggio commovente, la speranza di un sognatore. Nonostante le tante difficoltà, che solo chi le ha conosciute davvero può comprendere, non ha mai smesso di volgere il suo sguardo al futuro, nascondendo con profonda riservatezza la consapevolezza del rischio. Ci ha protetti dal dolore e dalla paura, mostrandosi al mondo guerriero, indossando un’armatura che gli permettesse di schivare i colpi che la vita gli stava offrendo puntuale. E quando dal dolore proprio non poteva più nascondersi, la parte più fragile emergeva, ma sempre con estrema dignità. Di poche parole, riservato, a volte un po’ burbero, sincero e preciso, un vero amico. Chi ha avuto la fortuna di poter condividere anche solo un piccolo pezzetto di vita con lui, sa bene quanto il suo cuore fosse grande e generoso. Animo nobile. Niente è stato facile. Ogni conquista, ogni traguardo raggiunto, è stato raggiunto con estremo impegno, fisico prima di tutto. Anche le cose apparentemente più banali diventano montagne da scalare per coloro che hanno la sfida più grande da vincere. Spesso la malattia viene portata dentro con riserbo, ad occhi ignari ed esterni non è dato avervi accesso. Tutto sembra normale. In realtà c’è un mondo sommerso dietro quei visi sorridenti. Una forza così tenace degna di grandissimo e profondo rispetto. Gianlu non si è mai tirato indietro, in niente, ha vissuto la sua vita appieno, arrivando dove voleva arrivare, anche soffrendo. La caparbietà è stata una costante della sua vita, che lo ha portato lontano. Lo abbiamo visto desiderare la vita bramante, stanco e demoralizzato a volte, anche arrabbiato altre, ma mai, mai, arrendevole. La cucina è stata la sua grande passione. Scoperta per caso, diventata poi la sua strada da percorrere. Ha studiato e sudato tanto, ha faticato e lottato contro ogni suo limite, mai mentale, stanco e stremato per le ore lunghissime dei turni. Abile e talentuoso, con estro e grande professionalità, ha sempre dedicato attenzione nella ricerca della qualità, caratteristica che lo ha sempre contraddistinto. Esprimeva al meglio il suo essere nell’impiattare le sue ricette, dedicando ogni sforzo a questa grande passione. Un’alimentazione sana, corretta ed equilibrata, la freschezza dei prodotti, il giusto matrimonio degli ingredienti erano la sua continua formazione personale. Amava cucinare per gli altri, per la sua famiglia e per gli amici soprattutto. Era il suo modo di coccolarci. Attento ad ogni dettaglio, ci ha regalato grandi momenti di piacere culinario. Il nostro miglior ristorante era la nostra cucina. La tavola il momento perfetto per condividerci. Ogni piatto una poesia da incorniciare. Raccontare di una vita in poche righe è estremamente difficile e riduttivo. È come dover scegliere il titolo giusto per un libro, dev’essere accattivante e in un certo senso attinente, ma di fatto poi non trasmette nulla, se non la voglia di aprire il libro e iniziare a leggerlo. La fortuna è stata poterlo sfogliare insieme questo libro di vita, anche se si è concluso troppo, troppo presto. Aver potuto godere del suo sorriso luminoso e della sua risata coinvolgente è un tesoro di inestimabile valore. Nessuno può immaginare quanto quel suo sorriso, sul suo volto spesso martoriato dalla sofferenza, potesse infondere attimi di pura felicità in fondo al cuore. Quel sorriso rimarrà tale, come i suoi silenziosi insegnamenti. Per ogni ostacolo, per ogni limite, per ogni difficoltà, ci sarà sempre un buon motivo per rialzarsi in piedi e combattere e guardare l’alba di ogni nuovo giorno dritto negli occhi e aver voglia di respirare a pieni polmoni ogni singolo attimo che questa vita ci regala. Esattamente come lui ha fatto nei suoi difficili ma meravigliosi trent’anni.

Effettua una donazione on-line

 

Effettua un bonifico

INTESA SAN PAOLO
IBAN: IT57U0306909606100000162163
SWIFT: BCITITMM

CREDEM
IBAN: IT30E0303257770010000002440
SWIFT: BACRIT21082

Quando effettui un bonifico o una donazione on-line, ricorda d’inserire nella causale anche nome, indirizzo e codice fiscale, questo ci permette di emettere direttamente la ricevuta.