E-COMMERCE PER SOSTENERE IL NOSTRO PROGETTO

E-COMMERCE

Capriccio con nove paesaggi senza senso

1.000,00

1 disponibili

Autore: Franco Lui
Titolo: Capriccio con nove paesaggi senza senso
Anno: 2014
Tecnica: legno e guazzo con resina acrilica su tela
Formato: 9 elementi di cm 25,5×24,5 (tele interne cm 22×21)

Questa opera è stata donata dal suo autore alla Fondazione Francesca Pirozzi. Il ricavato della vendita è devoluto al progetto di ricerca del Dipartimento di Scienze Biomolecolari dell’Università di Urbino che la Fondazione Francesca Pirozzi sta finanziando. I potenziali Acquirenti interessati ad una o più opere possono contattare direttamente la Fondazione Francesca Pirozzi per concordare eventuali modalità di pagamento e di consegna non previste sul sito. Se vuoi procedere all’acquisto immediatamente premi la barra AGGIUNGI AL CARRELLO. Vieni collegato alla pagina di conferma dove, selezionando CONCLUDI ORDINE, mettere i tuoi dati. Selezionando CONTINUA SU PAYPAL accedi alla piattaforma che abbiamo scelto come modalità sicura di pagamento dove puoi usare qualsiasi carta di credito premendo Paga con una carta. Compila i dati richiesti e seleziona Paga adesso. Alla fine del processo Paypal mostra i dettagli della transazione e conferma il tuo acquisto. Via mail riceverai la fattura del tuo acquisto.

Le spese di spedizione sono GRATUITE.

1 disponibili

COD: 08 Categoria:

Descrizione

Franco Lui

Pegognaga (Mantova), 1957. Pittore. Vive a Suzzara. Si diploma all’Istituto d’Arte di Mantova, in seguito si laurea in Beni Culturali presso l’Università di Parma. La prima collettiva è Mucinomrah, a Palazzo Te di Mantova, nel 1977. Seguono altre due esposizioni a Suzzara tra 1983 e 1984 presso la Galleria civica d’arte contemporanea, e la rassegna Squilibri, alla Casa del Mantegna di Mantova. Un esordio legato a una pittura ludica, in cui la moltiplicazione degli oggetti rimanda a un macrocosmo potenzialmente infinito ma presente e conosciuto.
Negli anni ‘90 l’artista conduce esperienze con gli audiovisivi nell’ambito della propria occupazione di educatore con i ragazzi del CSE (Centro Socio Educativo) di Suzzara, realizzando brevi filmati con i quali partecipa a diverse rassegne, tra le quali “La scuola dell’immagine” a Mantova, “Cinevideoscuola” a Bergamo, “30 anni di cinema ed audiovisivi nella scuola”, nell’ambito della “Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia” (1996); “3 minuti di…” FEDIC Reggio Emilia dove ottiene il I° Premio (1997), “Cinema Jove”, a Valencia (1999); “Fanovideofilmfestival”, a Fano (dal 1995 al 2000).
Nel 2005 personale al Circolo Casbah di Pegognaga.